Notizie

EVVIVA LO SPORT

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Sono anni che insegno Kickboxing, abbiamo fondato un’associazione che molti ritengono una seconda famiglia ,ci chiamano Sharkfighters, abbiamo creato una palestra che i nostri ragazzi chiamano casa,dove vengono ad allenarsi,ma anche a studiare,a farsi una pizza con gli amici o più semplicemente per stare del tempo tranquilli con loro stessi, mi è stato trasmesso onore, rispetto,disciplina, valori che cerco di riportare ai miei ragazzi con impegno ed entusiasmo. I più piccolini entrano in palestra facendo un gran baccano,urlano,corrono dappertutto come schegge impazzite,sembrano voler dimostrare quanto sono vivi e carichi,ma basta un cenno del loro Maestro e subito si allineano composti,in silenzio perché sanno che la lezione sta per iniziare,e qui subito capisco che ancora una volta sono loro ad avermi insegnato qualcosa. Arriva il turno degli adolescenti,ragazzi e ragazze che tra mille insicurezze hanno scelto uno sport non convenzionale, uno sport talmente individuale che se manca il sostegno ed il calore della squadra cade il palco,loro che basta guardarli negli occhi e si sciolgono tra le incertezze dell’adolescenza e il più delle volte basta ascoltarli per conquistare la loro fiducia,ed è in quel momento che tirano fuori grinta da vendere. E per finire gli adulti, non tutti agonisti,non tutti atleti,non tutti portati,ma poco importa perché fare sport con le giuste persone è sempre bello e gratificante. Non troverete mai ragazzini atleti per le strade o nei bar di pomeriggio. Non li vedrete mai stravaccati su una panchina, fumando con altri 6/7, uno addosso all’altro.Questi ragazzi la mattina vanno a scuola, il pomeriggio passano ore ad allenarsi ogni giorno per poi volare a casa a studiare. Sì, perché in genere chi conosce l’impegno, lo profonde su più fronti.Imparano a rispettare le regole, comprendono il significato di lavoro, fatica, sacrificio e collaborazione e vivono ognuna di queste cose anche al di fuori dell’ambito sportivo.Non sono questi ragazzi quelli che vanno fermati.Viva lo sport!